Ryse: Son of Rome (inizialmente noto come Codename Kingdoms e successivamente Ryse) è un videogioco d’azione/avventura sviluppato da Crytek e pubblicato da Microsoft Studios per Xbox One e da Deep Silver per Microsoft Windows. Il gioco è disponibile dal lancio della console.

 

IL GLADIATORE

Nel silenzio piuttosto strano di Epic, che probabilmente si sta riorganizzando dopo la dipartita di Cliff Bleszinsky e Rod Fergusson, s’è aperto un spazio interessante da riempire, ovvero quello di una software house che riuscisse da subito a sfruttare le capacità della next gen e, al tempo stesso, lanciare il proprio motore per venderlo alle terze parti. Complice anche la struttura di Xbox One, molto più simile ai PC con cui da anni e normalmente lavora, Crytek si è trovata proprio lì, al posto giusto e al momento giusto con Ryse: Son of Rome. Nato come progetto Kinect per Xbox 360, vista la dimestichezza coi nuovi hardware e il Cryengine pronto per spingersi oltre la current gen senza particolari adattamenti, la software house tedesca ha preso quel che c’era di quel codice, l’ha pompato a dovere sotto il profilo tecnico e l’ha fatto diventare un action nudo e crudo, ambientato in una Roma a uso e consumo del grande pubblico, pronto per il lancio della nuova console Microsoft.

TRA ELEFANTI, BARBARI E GIOVANI RAMPOLLI

La Roma di Nerone è sotto assedio per mano dei barbari e un giovane generale comanda quel che resta delle truppe per riuscire a mettere in salvo l’Imperatore. I due si mettono al sicuro attraverso una serie di stanze del palazzo imperiale e, giunti in una stanza segreta, iniziano un colloquio in penombra in cui Marius Titus racconta la sua storia, quella di un giovane soldato romano che, volendo seguire le orme del padre senatore ed eroe dell’esercito, sogna di diventare un generale e un punto di riferimento tra i centurioni. Sogna di andare di stanza ai confini dell’Impero e di distinguersi, solo che, prima di riuscire a farlo, vede ucciso il padre e la madre da un gruppo di non precisati mercenari. Da lì, saltando di missione in missione, pur sempre legate da un filo logico, o che almeno ci prova ad esserlo, viene narrata la vita di Marius attraverso una serie di flashback giocati che portano al finale, che non commentiamo per non rovinarlo a nessuno di voi, ma che lo vedranno combattere tra legioni di barbari, elefanti e i lascivi figli dell’Imperatore. La storia, così raccontata, permette a Crytek di variare le ambientazioni, che vanno dalla Roma imperiale a coste in tempesta e foreste assolate e misteriose, tutte con una resa visiva di cui parleremo in seguito ma che conforta il cuore di chi ha appena speso 500 euro per una nuova console. Pad alla mano il discorso è un po’ diverso nel senso che il primo esperimento di Crytek con gli action mostra il fianco a una serie di critiche che ne fanno solo un titolo discreto o poco più. Piuttosto che il continuo concatenarsi di combo e di piroette di un God of War, qui il termine di paragone è il combat system dei Batman di Rocksteady, quello in cui il protagonista viene circondato da una serie di avversari che si alternano all’attacco e a cui bisogna rispondere con mosse e contromosse. Su questo impianto, però, il team mette del suo attribuendo a ognuna delle direzioni della croce digitale un perk che si attiva eseguendo una delle mosse finali che si possono innescare dopo un tot di colpi andati a segno, segnalate da un icona a forma di teschio che appare sul nemico pronto per essere affettato. A quel punto parte un quick time event (ce n’è un discreto numero) iper truculento e con inquadrature che cambiano a seconda della posizione dei personaggi rispetto al fondale, durante il quale bisogna premere il pulsante del colore corrispondente a quello di cui si illumina l’avversario. Sbagliando, la sequenza non si interrompe, ma il bonus che si ottiene è minore. I quattro perk servono per ricaricare l’energia di Marius (non c’è altro modo per farlo), il potere speciale che rallenta il tempo, per fargli guadagnare più esperienza dall’uccisione o per fagli infliggere più danni con i colpi successivi. Questo aggiunge uno sottile strato di strategia, visto che il giocatore deve sempre scegliere quale perk attivare (va bene anche a mossa già iniziata) a seconda di cosa abbia bisogno. Il problema di base è che Marius ha due mosse, una con la spada e una con lo scudo e le può combinare, ma in poche sequenze diverse di tasti, tanto che non c’è neanche un elenco delle stesse, e che alla fine ci si trova a premere i tasti ritmicamente più preoccupati dai perk, salvo le parate o le schivate con capriola che servono per quei nemici che hanno colpi imparabili. Non ci sono armi diverse dalla spada, né equipaggiamenti da acquisire; i nemici sono di pochi tipi diversi e rispondono a tre, quattro pattern di attacco con cui è facile prendere dimestichezza. Il sistema è fluido, anche divertente, ma troppo poco profondo per pensare di impensierire gli altri esponenti del genere e la scelta di questi quick time event che non si possono sbagliare è quanto meno discutibile. Ogni tanto ci viene chiesto di guidare le truppe a coprirsi con gli scudi e avanzare in blocco per superare le difese avversarie, quanto piuttosto di usare alabarde installate a terra o di chiamare la copertura degli arcieri con Kinect, ma c’è davvero poco altro per le poco meno di sei ore di campagna a livello normale.

GLADIATORI!

Dove Ryse aggiunge un po’ di sostanza è il multiplayer con la modalità Gladiatore, immaginata in una serie di arene all’interno del Colosseo che si modificano ondata dopo ondata e che si può giocare con un amico online.Qui il concetto è diverso, visto che si deve scegliere una tra quattro divinità a cui “affiliarsi”, ognuna delle quali dà in dono uno solo dei quattro perk della campagna, ma un colpo speciale diverso. Per cui la scelta è fondamentale a seconda di come si preferisca giocare. Come per il single player, in cui i punti esperienza servono per potenziare le abilità per le esecuzioni o per migliorare le competenze di Marius, anche qui il proprio personaggio sale di livello e acquisisce crediti con cui si possono, però, comprare oggetti, ampolle curative e armi per potenziarsi e riuscire ad affrontare a dovere le dieci ambientazioni diverse tra quelle via via disponibili (al primo livello ce ne sono solo tre, divise ad ondate col fondale che si trasforma sotto gli occhi di chi gioca). Considerate che ognuna di queste sequenze – che ricordano l’orda di Gears of War, ma con le spade – dura circa una decina di minuti, stiamo quindi parlando di un paio d’ore a pieno regime, ma di molte più se si prende in considerazione il fatto che per riuscire a fare bene bisogna salire di livello e potenziare l’equipaggiamento. Quindi le playlist vanno giocate più volte a ripetizione. Il problema ci riporta, però, a quelle poche mosse e a quei pochi nemici da affrontare. Insomma, non è che non funzioni alla base, ma la tenuta sulla lunga distanza e il grado di divertimento, una volta superata la meraviglia visiva, sono entrambi in discussione perché sembra che il combat system, dopo l’idea iniziale, si sia fermato lì nel disegno dei suoi creatori. Ed è un peccato perché Ryse: Son of Rome riesce in quello che Crytek difficilmente sbaglia, ovvero stupire chi gioca con una grafica che è di fatto la migliore tra i giochi di lancio di Xbox One e tra le cose più belle che è possibile vedere in giro di questi tempi. Si vede che è nato come un gioco Kinect, visto che le lunghe sequenze in game sono in cui i personaggi si muovono sono ben recitate e realizzate benissimo. Tra fonti di luce, qualità delle texture e poligoni su schermo, oltre al frame rate stabile, che cede un po’ solo nella modalità gladiatore quando i nemici si fanno davvero numerosi, a volte non si sa dove guardare e certi scorci sono proprio memorabili. Non mancano le particelle del pulviscolo che si leva dalle torce e nemmeno il polline di foreste o la nebbia di porti lungo ipotetici mari del nord in questo quadro che dà un significato vero alla next gen, pure accompagnato da un buon commento sonoro e dal doppiaggio tutto in italiano.

Configurazione minima
CPU: Dual core con HyperThreading technology o quad core CPU
– Esempi: Intel Core i3 2.8 GHz (3220T) o AMD Phenom II X4 3.2 GHz (945)
Memoria: 4 GB RAM
GPU: DirectX 11 graphics card con 1 GB video RAM
– Esempi: NVIDIA GeForce GTX 560 o AMD Radeon HD 7770
OS: 64 bit Windows (Vista, 7, 8)
HDD: 26GB

Configurazione raccomandata
CPU: Quad Core o Six Core CPU
– Esempi: Intel Core i5 3.3 GHz (2500k) o AMD FX-6350 3.9 GHz Memory: 8 GB RAM
GPU: DirectX 11 graphics card con 2 GB video RAM
– Esempi: NVIDIA GeForce GTX 660Ti o AMD Radeon 260x o 7850
OS: 64 bit Windows (Vista, 7, 8)
HD: 26GB

Raccomandati per la visualizzazione in 4k
CPU: Quad Core o Eight Core CPU
– Esempi: Intel Core i7 3.5 GHz (2700k) o AMD FX-8350 4.0 GHz
Memory: 8 GB RAM
GPU: DirectX 11 graphics card con 4 GB video RAM
– Esempi: NVIDIA GeForce GTX 780/ Titan o AMD Radeon 290x
OS: 64 bit Windows (Vista, 7, 8)
HD: 26GB

crytek_ryse_son_of_rome_dover_screenshot_01_jpg_1400x0_watermark_q85 crytek_ryse_son_of_rome_dover_screenshot_02_jpg_1400x0_watermark_q85 crytek_ryse_son_of_rome_forum_screenshot_jpg_1400x0_watermark_q85 crytek_ryse_son_of_rome_oswald_screenshot_jpg_1400x0_watermark_q85 crytek_ryse_son_of_rome_palace_screenshot_jpg_1400x0_watermark_q85 

COME SCARICARE E INSTALLARE RYSE: SON OF ROME PER PC IN ITALIANO

  1. Nel caso non disponiate di Utorrent scaricatelo dal seguente link: Utorrent Download
  2. Prima di iniziare con l’installazione disabilitate il vostro anti-virus e scollegatevi da internet per evitare eventuali problemi
  3. Scaricate il gioco dal seguente link: Ryse: Son of Rome.Torrent
  4. Per vedere come scaricare e installare il gioco correttamente, guardate il video qui in basso



Published
Views 7212

Comments

Leave a Reply

No Comments ;(